Storytelling dell’Arte

Cos’è lo Storytelling dell’Arte?

Bella domanda!

Per dirla in parole semplici, possiamo scrivere che si tratta di arte raccontata, un po’ diversa dalla canonica Storia dell’Arte che invece è una materia prettamente riservata agli addetti ai lavori (storici dell’arte, restauratori, artisti, studenti) o a veri appassionati. Per questo motivo lo storytelling dell’arte si distingue [dalla Storia dell’Arte] poiché si rivolge a una platea molto più ampia in quanto artisti, opere e contesti storici vengono narrati a mo’ di fattariello (che tradotto dal napoletano vuol dire storiella). E come ogni buon fattariello che si racconti, le storie presenti all’interno di questo blog si avvalgono di pettegolezzi, reazioni emotive, istinti, sentimenti e tanti altri ingredienti che concorrono alla narrazione dell’umanità degli artisti, con i loro punti di forza e soprattutto con i loro punti deboli. Perché l’arte è prodotta da donne e da uomini che tribolano e si divertono, che vincono e perdono, che amano, tradiscono e vengono traditi, che vivono e muoiono, proprio come accade a tutti gli esseri umani. E, su questa base narrativa ho creato il mio blog di storytelling dell’arte: una narrazione fatta di tanti piccoli racconti, i fattarielli, che rendano l’arte godibile a tutte le persone che dedichino un po’ del loro tempo a leggerne i contenuti.